Home / CALABRIA / Lsu/Lpu, i sindacati: “Occorre ripristinare il fondo ministeriale”

Lsu/Lpu, i sindacati: “Occorre ripristinare il fondo ministeriale”

Le notizie che giungono da Roma sulla situazione dei Lavoratori ex LSU ed LPU Calabresi sono allarmanti. Ancora non è emersa, nell’interlocuzione Tra Governo e Regione Calabria, una reale strategia tesa ad affrontare e risolvere definitivamente la stabilizzazione degli ex Lsu Lpu Calabresi, anzi dobbiamo registrare sostanziali passi indietro rispetto alle conquiste degli ultimi anni di lotte.

 

Tutto ciò avviene a poche settimane della prossima scadenza contrattuale del 31 dicembre, data in cui si concluderà anche il quarto anno di contrattualizzazione per quasi tutti i lavoratori impegnati nei comuni ed enti pubblici calabresi.

Intanto, a livello nazionale si registra la preoccupante e pesante riduzione  degli stanziamenti che  finora erano sempre stati assicurati  nella misura di 50 milioni di euro per il 2019 si fermano a circa soli 22 milioni, venendo a mancare 28 milioni di euro, indispensabili per poter procedere al rinnovo dei contratti ed all’avvio del percorso di stabilizzazione.

Ma soprattutto dal punto di vista normativo, mancano  le indispensabili deroghe necessarie che possano  consentire ai comuni ed agli enti utilizzatori di andare oltre le restrizioni imposte in tema di spesa del personale ed ai fabbisogni assunzionali, legati a rigidi parametri che non tengono in debita considerazione la realtà locale calabrese e l’apporto che gli ex LSU/LPU hanno garantito in questi anni.

Lo abbiamo detto più volte, e qui lo ripetiamo: nel trattare il destino di oltre 4.600  famiglie calabresi, occorrerebbe rinsaldare un fronte comune che coinvolga Regione, Organizzazioni Sindacali e ANCI della Calabria per giungere al raggiungimento di un obiettivo comune: la storicizzazione dei 50 milioni di euro Ministeriali e le deroghe normative che consentirebbero di mettere la parola fine ad oltre 20 anni di sfruttamento e vergognosa precarietà.

Mentre invece rispetto a LSU/LPU il Ministero ha messo a disposizione semplicemente i residui delle precedenti annualità per un totale di circa 290 milioni di euro da utilizzare per soli 4 anni, fra tutte le Regioni interessate  per sostenere esclusivamente la stabilizzazione dei soli Lsu aprendo una incomprensinile distinzione  con gli Lpu, nonostante la parificazione fra le due categorie sia ormai datata  da oltre un decennio.

La firma della  convenzione da parte della Regione Calabria, che riteniamo politicamente sbagliata, riporta indietro nel tempo la vertenza, e risucchia nel limbo della incertezza i lavoatori Lsu- Lpu , assimilando la loro situazione a quella delle altre Regioni, ladddove i lavoratori non sono mai stati contrattualizzati e sono ancora in regime di utilizzo e di sussidio,.

La firma della convenzione nei termini e con i limiti che comporta: i fondi ministeriali possono essere utilizzati eslusivamente se finalizzati alla stabilizzazione, scaricando la questione sui soli comuni, rischia di vanificare quanto di buono era stato fatto finora dalla Regione che, su esplicita richiesta delle organizzazioni sindacali, aveva messo a diposuzione 38 milioni annui per la contrattualizzazione.

Appare chiaro come invece il Governo riduca la situazione degli Lsu e Lpu Caabresi ad una mera vicenda burocratica e contabile, perdendo di vista l’ampiezza del problema e degli strumenti che occorre mettere in campo per la stabilizzazione.

Le esigenze della Calabria, specialmente sul tema del lavoro, sono tante, ma occorre avere al volontà politica di dare finalmente soluzione alla vertenza LSU LPU.

Cosa di cui non troviamo al momento traccia nelle intenzioni del Governo  Regionale e Nazionale.

Pertanto, nell’ annunciare lo stato di agitazione dei lavoratori, ribadiamo la pressante richiesta alla Regione di presentarci con immediatezza la sua proposta di stabilizzazione e di mobilità territoriale dei lavoratori ( annunciata dal Presidente della Giunta Regionale lo scorso anno dopo la manifestazione del 16 di novembre) ed il percorso legislativo Regionale per i lavoratori che eventualmente non dovessero trovare soluzione negli enti di attuale appartenenza.

E’ finito il tempo degli annunci e dei rinvii, occorrno le assunzioni di responsabilità da parte della Regione e del Governo:servono proposte e soluzioni concrete da mettere in atto subito.

L’allarme lanciato dal Presidente dell’Anci Calabria, ci trova assolutamente d’accordo, ma occorre che la stessa Anci si confermi parte attiva nella vertenza, e ci aspettiamo con fiducia che formalizzi  la disponibilita ad affiancare le Organizzazioni Sindacali nelle rivendicazioni verso Governo e Regione .

In coerenza con le valutazioni unitarie di Cgil Cisl e Uil della Calabria,  espresse all’indomani dell’incontro con la Regione, assolutamente deludente,  sul Piano per il Lavoro, NIDIL CGIL  e UIL TEMP, preannunciano, stante la perdurante assenza di proposte e soluzioni concrete,  la  mobilitazione di tutti i lavoratori ec Lsu-Lpu,  già nelle prime settimane di novembre.

            Il Segretario Generale NIDIL CGIL Calabria                 Il Segretario Generale UIL TEMP Calabria

                       Antonio Cimino                                                Gianvincenzo Benito Petrassi

Leggi qui!

Marziale attacca Facebook: Censura la tutela dei minori

Marziale a Cosenza per la Giornata Onu su diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

“Dopo due anni in cui la Giornata ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza è stata …