Home / CALABRIA / Hot Spot per migranti a Corigliano, Reale (Lega): ‘No a campo profughi all’aperto’

Hot Spot per migranti a Corigliano, Reale (Lega): ‘No a campo profughi all’aperto’

Nei giorni scorsi, Marika Reale, dinamica e solerte dirigente della Lega – Salvini Premier di Corigliano, si è recata a Roma per rappresentare le istanze della popolazione locale ed ha avuto un proficuo incontro con l’On. Domenico Furgiuele, deputato della Lega eletto proprio in Calabria, che sin dall’inizio della legislatura si è distinto per operosità e spirito d’iniziativa a favore della sua terra.

“Ho ritenuto opportuno – dichiara Reale – far partecipe il nostro parlamentare On. Furgiuele, punto di riferimento della Lega in Calabria, della soddisfazione per la sua elezione e della formazione del nuovo governo, che vede il nostro leader Matteo Salvini ricoprire il delicato ruolo di Ministro agli Interni che ha iniziato a svolgere con determinazione e sulla scia di quanto contenuto nel nostro programma elettorale. L’incontro, svoltosi in un clima di grande cordialità ed amicizia, ha fatto registrare immediatamente la disponibilità e l’attenzione dell’On. Furgiuele nei confronti di quelle che sono le legittime istanze provenienti dalla Città di Corigliano Rossano, in particolar modo dalla comunità coriglianese dove alle ultime elezioni si è registrato un largo consenso popolare a favore della Lega. Proprio a Corigliano, per la presenza del Porto e dell’annessa area situata in località Schiavonea, si registra una situazione di forte disagio e comprensibile malessere nella popolazione, come peraltro evidenziato di recente dal Direttivo cittadino della Lega sugli organi di stampa, per il progetto, avviato dal precedente governo e a quanto pare perseguito in loco dal Commissario straordinario, di realizzare un Hot Spot per migranti all’interno del suddetto Porto. Tale iniziativa – prosegue Reale – contrasta con la natura e le funzioni dell’area portuale nonché dell’intero territorio di Schiavonea, borgo marinaro per eccellenza che a giusta ragione non accetta di divenire un campo profughi all’aperto, in un territorio già di per sé con un’alta percentuale di immigrati presenti”.

“L’On. Furgiuele, recependo e condividendo in toto le richieste mosse dalla popolazione di Corigliano in tal senso, si è immediatamente attivato, chiedendo e ottenendo – prosegue Reale – un incontro operativo sull’argomento Hot Spot. Martedì prossimo, difatti, il nostro parlamentare illustrerà la situazione in oggetto al sottosegretario agli Interni, manifestando tutta la preoccupazione della cittadinanza coriglianese e la sua assoluta avversità circa tale nefasta ipotesi per lo sviluppo del territorio della Sibaritide. Non possiamo che ringraziare l’On. Furgiuele per la vicinanza e la sensibilità dimostrata anche in tale occasione e attendiamo fiduciosi l’evolversi della situazione. È questo l’esempio tangibile della politica enunciata e praticata dalla Lega: nei palazzi romani per ascoltare e dare voce ai problemi della gente comune”.

Leggi qui!

Auto in fiamme nella notte a Catanzaro

Un’autovettura Audi A4 è stata danneggiata questa notte, in via Luigi Pascali, a Catanzaro. Sul …