Home / CALABRIA / Regione – Seconda Commissione approva 5 proposte di legge e 2 provvedimenti

Regione – Seconda Commissione approva 5 proposte di legge e 2 provvedimenti

Cinque proposte di legge e due provvedimenti amministrativi sono stati approvati oggi dalla Seconda Commissione “Bilancio, Programmazione economica e Attività produttive, Affari dell’Ue e Relazioni con l’Estero”, presieduta dal consigliere Giuseppe Aieta.
Parere favorevole a maggioranza (con l’astensione dei consiglieri Arruzzolo ed Orsomarso) sulla proposta di provvedimento amministrativo n.196/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: “Rendiconto esercizio 2016 dell’Azienda Territoriale Edilizia Residenziale Pubblica Calabria (Aterp Calabria)” con le prescrizioni e raccomandazioni formulate dal Collegio dei Revisori dei Conti e dai Dipartimenti “Bilancio” e “Infrastrutture e Lavori Pubblici” della Regione rispetto “alla necessità – come ha reso noto lo stesso presidente Aieta – di recuperare le morosità con provvedimenti più incisivi sul piano delle entrate”.
In merito a questo argomento, il presidente Giuseppe Aieta ha auspicato “il più ampio ascolto e dialogo per un’azione di informazione e sensibilizzazione rispetto alla regolarizzazione delle condizioni di morosità e circa la possibilità di accedere a condizioni di rateizzazione”.
A maggioranza, con l’astensione del consigliere Arruzzolo, è stata licenziata la proposta di provvedimento amministrativo n.197/10^ di iniziativa della Giunta regionale recante: ” Rendiconto esercizio 2016 – Azienda Calabria Lavoro “.
L’organismo consiliare ha quindi espresso il parere finanziario di competenza su diverse proposte di legge.
Via libera con l’unanimità dei consensi, all’emendamento interamente sostitutivo presentato dal consigliere Greco, della proposta di legge n.66/10^ a sua firma recante: “Legge organica in materia di relazioni tra la Regione Calabria, i calabresi nel mondo e le loro comunità.”.
Sempre all’unanimità hanno ottenuto il parere favorevole della Commissione la proposta di legge n.199/10^ di iniziativa del consigliere Mirabello recante: “Interventi per la realizzazione di soggiorni educativo-terapeutici nella Regione Calabria in favore di bambini, adolescenti e giovani con diabete mellito ” e la proposta di legge n.269/10^ di iniziativa del consigliere Bevacqua recante: ” Norme di attuazione della legge 21 novembre 2000, n. 353 (Legge quadro in materia di incendi boschivi). ”
L’organismo consiliare ha quindi approvato all’unanimità il progetto di legge “Istituzione del Garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale”, testo unificato di due proposte di legge: la n. 34/10^ di iniziativa del presidente del Consiglio regionale Nicola Irto recante: “Istituzione del Garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale” e la n. 221/10^ di iniziativa del consigliere Franco Sergio recante: “Istituzione del Garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale.”
Con l’astensione dei consiglieri Arruzzolo ed Orsomarso, è stato dato disco verde alla proposta di legge n. 297/10^ d’iniziativa della Giunta recante: “Modifiche a leggi regionali a seguito di impegni assunti con il Governo in attuazione del principio di leale collaborazione e provvedimento di variazione dei Bilancio di previsione 2017-2019”.
Presenti alla seduta per il Dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici e Mobilità, la dirigente del Settore Politiche di Edilizia abitativa, Vigilanza e Controllo ATERP, Marisa Zannone; per l’ATERP regionale, il direttore amministrativo De Lorenzo; per Azienda Calabria Lavoro l’avvocato Latella e per il Dipartimento Bilancio della Regione, il dottor Buccafurri.
In apertura dei lavori l’audizione di Leopoldo Chieffallo, presidente dell’Unione Comuni “Monti Ma.Re da Temesa a Terina” il quale ha chiesto un sostegno finanziario della Regione per incoraggiare altre associazioni o unioni di Comuni quale spinta a riorganizzare meglio il tessuto istituzionale regionale considerata l’esiguità delle risorse a disposizione dei piccoli Comuni rispetto alla capacità di dare risposte alle esigenze basilari dei cittadini. Per Confcooperative Calabria è stato audito il presidente Camillo Nola (presente anche il direttore Vincenzo Canè) il quale ha parlato delle problematiche afferenti il comparto delle pesche e nettarine che occupa complessivamente oltre 2.000 ettari di superficie produttiva con una forza lavoro occupata di 3.500 addetti al netto dell’indotto, auspicando che per questo settore, come più in generale per quello della frutticoltura, serva un piano organico programmatico e per l’allineamento alle condizioni di normalità delle altre regioni. Hanno preso parte alla seduta i consiglieri Sculco, Neri, D’Acri, Greco, Orsomarso, Arruzzolo e Sergio.

Leggi qui!

Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria – Le modifiche alla circolazione stradale

In occasione della riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri che si terrà oggi, 18 aprile …