Home / CALABRIA / Reggio – Idea Calabria su Canile di Mortara

Reggio – Idea Calabria su Canile di Mortara

“È un utopia – scrive Idea Calabria – che in questa città dove, purtroppo, tutto sta andando a “rotoli” tra strade diroccate, verde pubblico abbandonato o addirittura “svenduto”, dove le spiagge sono diventate discariche con scarichi fognari a cielo aperto, qualcosa vada nel verso giusto.

Eppure qualche volta il miracolo avviene, infatti, dopo tante battaglie affrontate con le associazioni animaliste della città con l’obiettivo di cercare un po’ di chiarezza e soprattutto di salvaguardare e tutelare quelle creature rinchiuse dentro quel canile definito “degli orrori”, finalmente qualcosa si è mosso.

Adesso ci domandiamo cosa abbia fatto questa amministrazione per tutelare gli animali che si trovano nel canile di Mortara e salvaguardare la sensibilità animalista dei cittadini di Reggio.

Non basta scaricare le responsabilità sugli addetti ai lavori poiché anche chi amministra ha il dovere di svolgere sino il fondo il ruolo di indirizzo e controllo, proprio quel controllo che evidentemente è mancato malgrado le numerose segnalazioni e denunce.

Ci chiediamo pertanto come si sia potuti arrivare fino a questo punto, ci chiediamo quanto ancora si dovrà aspettare perché questa struttura, così importante per la nostra città, diventi fruibile e sicura.

Confidiamo nell’operato della magistratura affinché chiarisca definitivamente questa spiacevole alquanto indecente situazione che è irrisolta ormai da troppo tempo e che vede come uniche vittime, ancora una volta, i più deboli: gli animali e i cittadini di questa città che devono fare i conti con l’assoluta mancanza di sensibilità di questa amministrazione comunale”.

Leggi qui!

Non siamo e non saremo mai contenti dei ritardi che si ripetono e che purtroppo si aggiungono rispetto alla realizzazione di quelle grandi infrastrutture vitali per lo sviluppo della nostra terra e che i calabresi, soprattutto i cittadini di questo territorio, attendono da sempre. Quella, quindi, dell’ulteriore rinvio odierno del CIPE (al 28 febbraio) sulla nuova SS106 è per noi e per tutte le comunità dell’Alto Jonio cosentino una brutta, pessima notizia. Ciò detto, non possiamo tollerare che il Presidente della Giunta Regionale Mario OLIVERIO, silente ed assente soprattutto in questa area che è la più disastrata insieme al crotonese della Calabria, si accorga delle priorità e delle tante e troppe questioni aperte di questa zona soltanto in questi giorni di campagna elettorale. È quanto ha dichiarato Emanuela ALTILIA intervenendo nel pomeriggio di oggi (giovedì 22) a TREBISACCE e ROCCA IMPERIALE e chiedendo scusa, anche a nome degli altri candidati presenti Antonio ASCENTE, Ernesto RAPANI e Fausto ORSOMARSO, ai calabresi per le offese alla loro dignità ed alla loro intelligenza delle quali OLIVERIO ed i sindaci del territorio al suo fianco si stanno rendendo protagonisti ormai ogni giorno. Nonostante questi annunci a giorni alterni da parte del Presidente OLIVERIO – lo ribadisco – si sta soltanto azzerando il livello di credibilità delle istituzioni e la fiducia dei cittadini nella Politica. Crediamo che – ha concluso la ALTILIA – soprattutto da qui, da Trebisacce, spesso teatro preferito da OLIVERIO per le sue promesse sempre sbugiardate, dall’alto ionio cosentino e dall’intera Calabria dovrà arrivare e arriverà la forza determinante per far vincere il centro destra in Italia e per riportarlo dal 5 marzo alla guida della REGIONE CALABRIA senza demagogia, senza populismo.

Trebisacce, Altilia (FI): “Chiediamo scusa per le bugie di Oliverio”

“Non siamo e non saremo mai contenti dei ritardi che si ripetono e che purtroppo …