Calabria – Quarta Commissione dice sì a proposta legge ordinamento Consorzi di Bonifica

giovedì 20 aprile 2017
18:01

Dopo l’esame del testo e dei relativi emendamenti, la quarta Commissione “Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell’Ambiente”, presieduta dal consigliere Mimmo Bevacqua, ha dato parere favorevole alla proposta di legge d’iniziativa della Giunta regionale recante: “Modifiche alla legge regionale 23 luglio 2003, n 11 (Disposizioni per la bonifica e la tutela del territorio rurale. Ordinamento dei Consorzi di bonifica)”.
Illustrato dal consigliere Mauro D’Acri, il disegno di legge introduce la figura del Revisore unico dei conti, in sostituzione dell’attuale Collegio dei Revisori, così adeguando la normativa in materia di consorzi di bonifica al portato dell’art. 13 della l. r. 69/2012.
“La proposta di legge 151 che, a seguito degli emendamenti sostitutivi dei quali, in qualità di presidente, mi sono fatto carico – ha spiegato Bevacqua – abolisce, per i Consorzi di Bonifica, i Collegi dei revisori dei conti, stabilendo la figura del Revisore Unico. La norma, oltre ad adeguare l’ordinamento regionale a quello nazionale, comporterà anche un indubbio risparmio di spesa, offrendo, altresì, ulteriore incentivo all’avvio della discussione sul riordino complessivo della materia consortile che sarà avviata nei prossimi giorni”.
Nel prosieguo, l’organismo ha introdotto l’esame abbinato dei tre progetti di legge (uno di iniziativa popolare; il secondo a firma del Consiglio comunale di Cosenza e l’ultimo presentato dalla Giunta regionale) per la tutela, il governo e la gestione pubblica del ciclo integrato dell’acqua e che introducono disposizioni per l’organizzazioni del servizio idrico integrato. Rispetto a questo punto all’ordine del giorno, l’Anci ha fatto pervenire una serie di osservazioni su cui hanno fornito chiarimenti sia l’assessore al ramo, professore Roberto Musmanno che il dirigente generale del Dipartimento Lavori Pubblici ing. Domenico Pallaria.
“Abbiamo sostanzialmente concluso oggi la discussione sugli aspetti più rilevanti della nuova legge regionale sul Servizio Idrico Integrato. Avendo acquisito le osservazioni formulate dall’ANCI, che ha presentato apposita relazione, contiamo, con l’apertura termine per emendamenti di approvare il testo normativo nella seduta convocata per la prossima settimana. Ritengo – ha detto il presidente Bevacqua – di poter affermare che siamo giunti a definire una proposta legislativa che si caratterizza per organicità e completezza, coprendo il ciclo delle acque dalla captazione al consumo, conferendo un ruolo centrale agli Enti locali e ai Sindaci, garantendo i territori e le comunità mediante l’istituzione del Comitato consultivo degli utenti del servizio e dei portatori di interesse. È più che maturo il tempo di riconoscere un vero e proprio inviolabile ‘diritto all’acqua’, autonomo e incomprimibile rispetto alle logiche del mercato”.
Il presidente ha fissato per giorno 26 aprile il termine ultimo per la presentazione degli emendamenti, annunciando che il testo base verrà esaminato ed approvato giovedì 27 aprile.
Successivamente il presidente ha stabilito il rinvio del terzo punto all’ordine del giorno (Problematiche relative alla difesa del suolo, prevenzione ed aggiornamento Pai) per l’assenza dei soggetti che avevano richiesto l’audizione,
Rispetto alla legge regionale n. 41 del 2016 con cui è stata istituita la Riserva naturale regionale delle Valli Cupe, la Commissione ha audito oggi il dott. Giovanni Aramini, dirigente del Settore Parchi ed Aree Naturali Protette del Dipartimento Ambiente.
Tale audizione ha fatto seguito a quella, nella scorsa seduta, del sindaco del Comune di Zagarise, il quale proponeva una serie di modifiche in merito alla gestione della Riserva attualmente in capo al Comune di Sersale.
Dopo un intenso e articolato dibattito e dopo aver ascoltato il sindaco di Sersale avv. Salvatore Torchia e il dott. Carmine Lupia (direttore della Riserva “Valli Cupe”), il presidente Bevacqua ha concluso i lavori, rinviando ogni eventuale ulteriore approfondimento all’Esecutivo regionale.
Hanno preso parte alla seduta i consiglieri Mimmo Tallini, Vincenzo Pasqua, Giovanni Nucera, Giovanni Arruzzolo e Arturo Bova.

Print Friendly