Home / CALABRIA / Cosenza – All’Unical seminario sui segni espressivi in carcere

Cosenza – All’Unical seminario sui segni espressivi in carcere

Per l’opinione pubblica, il carcere è un buco nero nel quale i protagonisti di piccoli e grandi fatti di cronaca sprofondano nell’oblio. Eppure la vita in cella riesce a toccare l’emotività della gente e ad alimentare il dibattito. Dai graffiti in carcere, alle annotazioni di un sottufficiale d’artiglieria dopo la disfatta di Caporetto e la prigionia dei soldati, al video di Repubblica.it “Quando si chiude il gabbio” che, in poche settimane ha totalizzato 130.000 visualizzazioni, si delinea un percorso di forme espressive e tipologie scrittorie di estremo interesse.

Il Laboratorio di Documentazione dell’Università della Calabria ha organizzato, su questi temi, un seminario di studi dal titolo “Segni di libertà: scrittura ed espressività in carcere”, che si terrà il 22 marzo a partire dalle 9,30 presso la sala stampa dell’Aula Magna. L’introduzione sarà affidata al professor Roberto Guarasci, interverranno Andrea Gualtieri, giornalista e autore della videoinchiesta di Repubblica.it, Nicolettà Giovè, dell’Università degli Studi di Padova che parlerà di “Segni di libertà. Graffiti in carcere” e Giorgetta Bonfiglio Dosio, dell’Università degli studi di Padova, sul tema “Un’incursione militare. Dalla pietas familiare alla ricerca”.

Leggi qui!

Il 17 dicembre la trasmissione Melaverde ci porta in Calabria

Domenica prossima 17 dicembre dalle ore 11.50- MELAVERDE, la trasmissione in onda su Canale 5 …