Cosenza – Presentazione dello Sportello legale “Difendiamo gli animali”

venerdì 17 febbraio 2017
15:11
strilllogo

Sarà presentato sabato 18 febbraio lo Sportello legale “Difendiamo gli animali”, il servizio di consulenza e assistenza gratuita dedicato alla tutela dei diritti delle bestiole, nel corso della manifestazione che si svolgerà a Rende, nella sala convegni del centro polifunzionale UICI, durante il Seminario di chiusura del corso teorico pratico per aspiranti guardie ecozoofile volontarie. L’appuntamento, organizzato dal coordinamento provinciale di Cosenza di FareAmbiente, Laboratorio verde di Cosenza, prevede la cerimonia di consegna degli attestati alle nuove guardie zoofile volontarie, al termine del percorso formativo seguito.

Dopo i saluti di Pino Bilotti, presidente UICI Cosenza, Antonio Iaconetti, presidente Laboratorio Verde FareAmbiente Cosenza, Fabio Bartolotta, responsabile regionale Guardie di FareAmbiente MEE (Movimento Ecologista Europeo) Calabria e Andrea Biondi, vicepresidente Laboratorio Verde FareAmbiente Cosenza, relazioneranno Salvatore Braschi, vice responsabile nazionale Guardie di FareAmbiente MEE nonché responsabile interregionale Centro Sud e Anita Frugiuele, delegato nazionale Difendiamo gli animali. Interverrà Vincenzo Pepe, presidente nazionale FareAmbiente MEE. I lavori saranno introdotti e moderati da Patrizia Covello, guardia zoofila ambientale volontaria FareAmbiente.

Le guardie ecozoofile sono Guardie Particolarmente Giurate (GPG) che svolgono un servizio di vigilanza, prevenzione e repressione di reati ambientali e animali. Lo Sportello “Difendiamo gli animali”, istituito recentemente anche a Cosenza e presente in tutta Italia, riceve segnalazioni in materia di reati contro gli animali e si attiva, attraverso i suoi legali, per tutelarne i diritti violati sia in sede civile che penale.

L’appuntamento avrà inizio alle 11 presso il centro polifunzionale IUCI, Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, che ospiterà la manifestazione, in via Louiss Braille, a Quattromiglia.

Print Friendly