• Home / CALABRIA / Regione non eroga 80 mln ad aziende, Confcoltivatori: “Oliverio se ci sei batti un colpo”

    Regione non eroga 80 mln ad aziende, Confcoltivatori: “Oliverio se ci sei batti un colpo”

    “Mala tempora currunt”, è il lamento dell’intero comparto agricolo calabrese. Per l’agricoltura calabrese, i tempi sono bui da un po’ e pare che non si intraveda all’orizzonte alcun cenno di schiarita. Sembra, infatti, che, denuncia Confcoltivatori, qualche migliaio di imprenditori agricoli abbia trascorso un fine anno da incubo e ci si chiede, a questo punto, se i governanti regionali e nazionali al ritorno dalla vacanze si preoccuperanno o meno di risolvere nell’immediato, il problema del mancato pagamento della Pac e del Psr. “Intanto – scrive ConfColtivatori – noi abbiamo il dovere morale di rendere noti tutti i numeri della mancata erogazione. L’opinione pubblica deve sapere quante risorse sono venute a mancare, all’intera economia calabrese; il danno non è stato arrecato solo al comparto agricolo, bensì, a tutto l’indotto che gira intorno ad esso. Ma andiamo per ordine: Agea, non ha ancora pagato, senza alcuna ragione tangibile, gran parte di titoli pac, quindi non è stata erogata per la Calabria la modica cifra di 60.000.000 di euro (sessanta milioni); P.S.R. misure agro- ambientali, Arcea, senza dare spiegazioni, non ha erogato l’altra modesta somma di 12.000.000 di euro (dodici milioni); P.S.R. misure strutturali asse II, pare che Agea abbia revocato, quindi disimpegnato alla Calabria, il discreto importo di 8.000.000 di euro (otto milioni). Insomma, all’intero sistema economico calabrese, è venuta a mancare, “semplicemente”, giusto per usare un eufemismo, 80.000.000 di euro. Totò avrebbe detto: ottantanta milioni di cocozze!! Alla luce di quanto dedotto e denunciato, possiamo affermare, che siamo in piena emergenza e che, evidentemente, l’Amministrazione Regionale, sta sottovalutando questo problema, che con il passare dei mesi, sta trasformandosi in dramma. Avevamo già lanciato, nel mese scorso, un accorato appello al Presidente Oliverio, il quale non ha dato alcuna risposta; avevamo già sensibilizzato il Consigliere delegato all’Agricoltura, chiedendo ad entrambi, interventi seri, decisi e mirati. Le aziende, non possono sopportare oltre, non sono nelle condizioni di attendere neanche un giorno in più. E’ un’emergenza che merita priorità incondizionata, la Regione non può permettersi di ignorare questo tipo di inconveniente, che sta mettendo in ginocchio l’intera economia calabrese. A questo punto, non possiamo far altro che lanciare un ulteriore e definitivo appello: Oliverio se ha a cuore il comparto agricolo e l’intera economia calabrese, batta un colpo, si interessi, faccia le dovute pressioni, presso le Istituzioni, a lui amiche. Infine, invitiamo cortesemente il Dirigente Arcea ed il Consigliere delegato all’Agricoltura, di risolvere la spinosa vicenda dei pascoli magri, apparentemente risolta con il Decreto del Presidente n° 70 del 6/07/2015. A tal proposito, pare che Agea con la circolare 569 del 23/12/2015 non abbia tenuto conto del suddetto Decreto, considerando la Calabria, tra le regioni prive di criterio relativo alle pratiche tradizionali di pascolo. Infine teniamo a sottolineare che, nella malaugurata ipotesi tale situazione si dovesse protrarre senza ricevere risposta alcuna, non bloccheremo oltre la giustificatissima rabbia degli agricoltori e allevatori calabresi, lasciandoli manifestare, purtroppo per l’ennesima volta, presso la cittadella regionale2.