• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria, Giornate Europee del Patrimonio: presentazione archivio storico istituto “R. Piria”

    Reggio Calabria, Giornate Europee del Patrimonio: presentazione archivio storico istituto “R. Piria”

    In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2019, il 21 settembre la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria, in collaborazione con l’Istituto Tecnico Commerciale “R. Piria” di Reggio Calabria promuove un evento della durata di quattro ore per la presentazione al pubblico dell’Archivio storico dell’Istituto scolastico, il primo fondato in città dopo l’unità d’Italia. Istituito con Regio Decreto del 19 settembre 1875, come istituto tecnico nelle sezioni fisico-matematica, agronomica, commerciale e di ragioneria, nel 1883 venne intitolato a Raffaele Piria, illustre scienziato di origine scillese, largamente conosciuto per i suoi studi nel campo della chimica organica, esponente di primo piano del Risorgimento, Ministro della Pubblica Istruzione nel governo delle Province napoletane ed infine, nel 1862, Senatore nel nuovo Parlamento italiano. Il fondo “Istituto Tecnico Commerciale Raffaele Piria” (1875-2002) è stato oggetto di riordino ed inventariazione da parte della Soprintendenza attraverso l’utilizzazione del software applicativo SESAMO 4.1 e, nell’anno scolastico 2018-2019, di intervento di informatizzazione nell’ambito del progetto di Alternanza scuola lavoro svolto in collaborazione con l’Istituto. Intervengono all’evento la dott.ssa Anna Rita Galletta, dirigente scolastica dell’ITE R. Piria, la dott.ssa Ada Arillotta, soprintendente archivistico e bibliografico della Calabria, il prof. Francesco Arillotta, deputato di Storia Patria, e la dott.ssa Antonella Bongarzone, archivista.
    La presentazione è accompagnata dalla predisposizione di un percorso espositivo con l’esposizione di documentazione afferente i momenti più significativi della storia dell’Istituto, guidato da un gruppo di studenti coordinati dalla prof.ssa Anna Benedetto, e l’esposizione dell’antica strumentazione scientifica, illustrata dal prof. Joseph Moricca.