• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Castrovillari (Cs), Estate Internazionale del Folklore: scambio di doni in Comune

    Castrovillari (Cs), Estate Internazionale del Folklore: scambio di doni in Comune

    Scambio di doni e riconoscimenti nel palazzo di città di Castrovillari, città dell’accoglienza oltre che dei festival come l’ha tenuta a ribattezzare questa mattina il Sindaco, Domenico Lo Polito, durante il momento con i gruppi folklorici- la capacità propulsiva, con altri interpreti, di questa edizione-, presente l’assessore all’Istruzione, Pino Russo, e il direttore artistico della 34 Estate internazionale del folklore e del Parco del Pollino, Antonio Notaro, il quale ha affermato in più modi, con trasporto e commozione la valenza dell’appuntamento che si sviluppa ogni anno grazie alle dedizioni messe in campo dal “Gruppo folklorico Città di Castrovillari”.
    Durante il momento il primo cittadino ha ringraziato gli organizzatori per l’ennesimo ottimo lavoro svolto in favore del folclore, i gruppi e quanti vi hanno collaborato per la realizzazione dei meravigliosi spettacoli e coreografie presentati che “ancora una volta confermano- ha detto- Castrovillari crocevia di sensibilità, capacità, incontro tra popoli, tra etnie, tradizioni, costumi e lingue che fanno sempre più grande, interessante, ricca , particolare e partecipata la manifestazione, ormai momento di spicco dell’estate castrovillarese.”

    “Un fatto significativo – ha precisato il sindaco-, per le tante identità che hanno generato le culture che si sono alternate e si susseguono in questo appuntamento, le quali affermano la valenza dell’iniziativa che muove i suoi passi nella proverbiale accoglienza e cordialità della nostra gente, espressione autentica della storia locale.”
    “E’ per questo motivo che la manifestazione è sempre più un grosso momento culturale, sinonimo d’amicizia tra i popoli, una ribalta importante nel Parco del Pollino e nella stessa Calabria Citra, che in quest’appuntamento esalta e fa memoria del ruolo fondamentale delle tradizioni, patrimonio insostituibile d’ogni comunità.”