Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Flora Sculco sulle scuole di specializzazione medicina e sanità

Flora Sculco sulle scuole di specializzazione medicina e sanità

“La chiusura di sei scuole di specializzazione della facoltà di medicina dell’Università Magna Grecia di Catanzaro è l’ennesimo colpo inferto alla Calabria con la complicità, se non con la diretta partecipazione, del governo Leghista con al seguito i Cinque Stelle”. E’ quanto sostiene la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco secondo la quale: “Non si può restare inerti.

Chiudere ben sei scuole di specializzazione di area sanitaria vuol dire minacciare il presente e il futuro del sistema-regione e, al contempo, negare ai giovani calabresi  di crescere, formarsi e operare nel proprio territorio. Vuol dire negare la possibilità ai nostri giovani di completare la propria formazione specialistica nell’unica facoltà di medicina presente in Calabria: un disastro! Tutto questo non è accettabile. E a parte l’indignazione generale, ampiamente giustificata se consideriamo (sull’intera sfera – socio sanitaria) l’atteggiamento prevaricatorio del governo Legastellato rispetto ai poteri costituzionali della Regione che si traduce dopo 10 anni di commissariamento in ulteriore confusione a scapito del diritto alla salute dei cittadini, occorre far sentire la voce della Calabria nella maniera istituzionale, politca e sociale più ampia, partecipata ed efficace. Con l’intento, anzitutto – sottolinea la consigliera regionale – di indurre  il ministro dell’Istruzione e della Ricerca Marco Bussetti a sospendere ogni decisione e di approfondire prima di procedere. In tal senso, sono certa che il Consiglio regionale lunedì prossimo non mancherà di esprimere disapprovazione unanime su quanto sta accadendo e l’invito istituzionale rivolto alla   politica, alle istanze culturali e sociali, alle associazioni imprenditoriali e alle organizzazioni professionali, perché si faccia squadra. Abbiamo il dovere di adoperarci – finisce Flora Sculco – utilizzando ogni strumento per fermare l’onda d’urto che si sta abbattendo (incluso il regionalismo differenziato) contro gli interessi generali del Mezzogiorno, la sua identità, la sua storia  e il suo diritto costituzionale a sviluppare i propri punti di forza dentro la cornice unitaria ed europea”.

Leggi qui!

Reggio Calabria – Inflazione a +0,4% su base annua

Nel mese di Maggio l’Indice dei Prezzi al Consumo per l’intera collettività nazionale (NIC) della …