• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Corigliano-Rossano: Sapia (M5S): “Urgente potenziare sedi polizia e carabinieri”

    Corigliano-Rossano: Sapia (M5S): “Urgente potenziare sedi polizia e carabinieri”

    Il deputato M5S Francesco Sapia vuole che Corigliano-Rossano abbia al più presto un potenziamento delle sedi territoriali della polizia di Stato e dei carabinieri. Perciò con apposita interrogazione il parlamentare ha chiesto ai ministri dell’Interno e della Difesa «quali specifiche, urgenti iniziative di competenza intendano assumere per migliorare l’ordine pubblico e la sicurezza nel Comune di Corigliano-Rossano, nonché i servizi alla comunità locale correlati ai compiti e alle competenze della polizia di Stato e dei carabinieri».

    «Con legge – ha ricordato Sapia nel suo atto – della Regione Calabria, è stato istituito, a decorrere dal 31 marzo 2018, il nuovo Comune di Corigliano-Rossano, che comprende gli ex Comuni di Corigliano e di Rossano, che ha una popolazione di circa 80 mila abitanti e da poco, con le prime elezioni amministrative del nuovo Comune, anche il proprio sindaco».Nella sua interrogazione, il parlamentare del Movimento 5 Stelle ha formalizzato che «al fine di meglio tutelare l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini del suddetto, nuovo Comune, appare urgente una riorganizzazione dei presìdi della polizia di Stato e dei carabinieri esistenti sul territorio in questione, puntando al potenziamento dei relativi organici nell’ottica di riqualificare e migliorare le attività dei vari uffici e la loro operatività, così da garantire migliori servizi alla comunità locale, specie in ragione delle specificità del nuovo Comune e delle necessità derivanti dagli effetti della legge regionale» che lo ha istituito. Secondo Sapia, «è fondamentale, ora che Corigliano-Rossano ha il proprio sindaco, iniziare quell’opera di riorganizzazione di tutti i servizi sul territorio, per la quale confermo la mia disponibilità a cooperare con le istituzioni locali. Per quanto concerne la tutela della salute, da mesi avevo chiesto all’Asp di Cosenza, purtroppo inascoltato, che istituisse un distretto sanitario unico per la città».