• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria – Appuntamento promosso dall’Anassilaos

    Reggio Calabria – Appuntamento promosso dall’Anassilaos

    Si terrà giovedì 23 maggio alle ore 16,45 presso la Villetta della Biblioteca Comunale Pietro De Nava (Sala Giuffrè) nell’ambito del Maggio dei Libri 2019 l’omaggio allo scrittore Primo Levi nel centenario della nascita (31 luglio 1919-11 aprile 1987). Promosso congiuntamente dal Comune di Reggio Calabria, dall’Associazione Culturale Anassilaos e dalla Biblioteca Pietro De Nava l’incontro vuole ricordare, attraverso la lettura di taluni brani significativi delle sue opere, affidata agli amici di Anassilaos (Daniela Scuncia, Caro Menga, MarilùLaface, Giacomo Marcianò, Silvana Larocca, Massimiliano Barberio, Pina De Felice) e l’intervento del Prof. Antonino Romeo, uno degli scrittori più significativi del Novecento e un testimone della Shoah di cui ha narrato le atrocità, la disumanizzazione, le complicità, in taluni casi, degli stessi prigionieri che egli definirà la “zona grigia”.Nato a Torino Primo Levi oltre che scrittore  è stato anche un poeta e un chimico. Nel 1943 venne arrestato come partigiano e deportato, l’anno successivo, nel Campo di Concentramento di  Auschwitz da dove venne liberato il 27 gennaio del 1945dalle truppe dell’Armata Rossa. Tornato in Italia volle ricordare la sua tragica esperienza nel romanzo “Se questo è un uomo”, sua prima opera narrativa, dapprima rifiutato dalle più importanti case editrici italiane  con la motivazione che l’esperienza della Shoah importava a pochi.  Pubblicato da un piccolo editore il romanzo  all’ esordio non ebbe grande accoglienza né di pubblico né di critica. Solo più tardi, allorquando fu ripreso da Einaudi, l’opera divenne un best-seller sia in Italia che all’estero e fu considerato un classico della letteratura mondiale e della memorialistica dedicata all’olocausto. Anche la sua opera successiva “La tregua” (premio campiello 1963) fu ispirato alla sua esperienza di deportato. Sul tema della Shoah tornerà  per l’ultima volta nel 1986  (morirà l’anno successivo) nel saggio I sommersi e salvati.