• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Cosenza – Tempo del Cosmo & Tempo della Terra

    Cosenza – Tempo del Cosmo & Tempo della Terra

    Tra i vari format di eventi presentati presso la Biblioteca nazionale di Cosenza, molto diversi fra di loro per struttura e per contenuti, «Tempo del Cosmo & Tempo della Terra. Crono Meteo Musicale» ha ulteriori e fondamentali variabili: Il tempo è memoria, è storia, identità, radici.

    Il tempo è pioggia, sole, vento, tempesta e bonaccia. Il tempo è musica e il tempo regola le sfere celesti. Πάντα ῥεῖ, è l’elemento cardine che genera il paradigma costitutivo dell’evento. Il tempo sembra scorrere in modo inesorabile dal passato al futuro, e così «Tempo del Cosmo & Tempo della Terra» è un viaggio attraverso i misteri dello spazio – tempo, da sempre al centro della riflessione filosofica e dellindagine scientifica. «Tutto scorre», è leterno divenire della realtà, che solo apparentemente rimane sempre identica, ma che invece si rinnova e si trasforma. La scienza si mescola alla filosofia, e nessun altro problema scientifico affascina più di quello della natura dello spazio e del tempo, due concetti che «formano il palcoscenico su cui si dipana la trama del cosmo». Rita Fiordalisi, direttore della Biblioteca nazionale di Cosenza, Massimo Veltri e Riccardo Barberi, docenti dellUniversità della Calabria, Costante De Simone, meteorologo, e Viviana Andreotti, musicista, si soffrermano sul tempo cronologico, dallesperienza primitiva alla fisica moderna; sul tempo meteorologico, con le moderne tecniche di previsione e il perché degli errori; sul tempo musicale, paesaggio di analogie e metafore. Tra eternità e infinito, tra tempo e spazio, come «forme necessarie del pensiero», che non esistono indipendentemente l’uno dall’altro, la conversazione si sofferma sulle ripercussioni del tempo sul passato, sul presente e sul futuro dell’uomo, debole e inerme, preda di una decadenza totale, che non può nulla contro i paradossi che mettono in crisi il significato di un tempo molto diverso da quello che l’esperienza comune potrebbe far pensare.