Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Cosenza – Il circolo Pd di Bonifati sulla festa della Liberazione

Cosenza – Il circolo Pd di Bonifati sulla festa della Liberazione

«(…) La guerra di parte è la più antica, la più naturale, e la sola che sia sempre giusta. Essa è quella del debole contra il forte: essa non può farsi senza il concorso e l’approvazione di tutta una nazione: essa dipende dalla opinione generale, non dalla volontà di un tiranno, o d’un conquistatore. Questa guerra non può avere altro scopo che di respingere un’invasione, e di sottrarre lo (…)».

Il 25 aprile è la Festa della Liberazione; è l’occasione che il calendario e la Storia ci offrono per ricordare e riflettere sul periodo più buio del nostro Paese. La Liberazione dall’occupazione nazi-fascista, dunque, non è solo un fatto: è l’essenza della nostra Democrazia e dei principi inderogabili della nostra Costituzione. Essere donne e uomini Liberi è valore irrinunciabile di tutti noi. E’ per questo che non possiamo rimanere in silenzio! La manifestazione fascista indetta da Forza Nuova, proprio il 25 aprile a Bonifati, per ricordare i caduti della Repubblica di Salò, è intollerabile. È uno schiaffo alle forze della Resistenza. È un’offesa implacabile a tutti i cittadini italiani e alle Libertà faticosamente conquistate con la lotta partigiana.
Lo sdegno e l’amarezza per lo scempio che dovrebbe consumarsi in piazza Domenico Ferrante non possono che indurci ad agire.
Innanzitutto, chiediamo pubblicamente al Sindaco del Comune di Bonifati di revocare l’autorizzazione alla manifestazione organizzata dai fascisti. Gli chiediamo di spiegarci, inoltre, i motivi del suo assenso a tale becera provocazione. In merito, non vorremmo trarre conclusioni affrettate e pensare che c’entri qualcosa il fatto che il segretario provinciale di Forza Nuova fosse uno dei componenti della lista che lo ha sostenuto nelle scorse elezioni comunali.
Vogliamo ricordare ancora una volta a tutti, istituzioni, forze dell’ordine e cittadini, che esaltare pubblicamente esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche, è un REATO.
Condividiamo pienamente quanto affermato dalla Federazione del PD di Cosenza e dal Segretario provinciale Luigi Guglielmelli, e ci associamo all’appello rivolto a tutte le forze antifasciste del nostro Comune e della nostra Provincia per organizzare una contro-manifestazione nel caso in cui chi di dovere non dovesse provvedere a vietare la becera rievocazione del fascismo che dovrebbe tenersi a Bonifati proprio il 25 aprile.
Ora e sempre, RESISTENZA!
Il Circolo PD di Bonifati

Leggi qui!

Villa San Giovanni -Seminario “Cassiodoro: primo promotore della dieta mediterranea”

Giorno 20 maggio presso l’Istituto Alberghiero di Villa San Giovanni, Scuola Polo per la provincia …