Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Cosenza – Visita a palazzo dei Bruzi delle quinte classi di via Negroni

Cosenza – Visita a palazzo dei Bruzi delle quinte classi di via Negroni

La parità di genere nella composizione della Giunta, la raccolta differenziata, le strade a misura di pedone, come mai ha deciso di fare il sindaco e tante altre curiosità.

Insomma, una sintesi descrittiva di come si amministra una città attraverso le domande sorprendenti e smaliziate dei bambini: questa mattina il primo cittadino ha ricevuto nel salone di rappresentanza di palazzo dei Bruzi gli alunni delle classi V E e V F dellistituto comprensivo di via Negroni III, accompagnati dalle loro insegnanti che hanno portato il saluto della dirigente Marina Del Sordo fuori sede per impegni precedenti.
La visita nel palazzo comunale si colloca in un percorso che i ragazzi dellultimo anno delle elementari hanno fatto in merito alla conoscenza della costituzione e della cittadinanza, un modo per capire meglio come funziona la macchina amministrativa dal suo interno, grazie al confronto diretto con chi la governa.
Dopo un breve passaggio nel complesso monumentale di San Domenico guidati dallassessore Rosaria Succurro, i bambini e le loro maestre hanno incontrato a palazzo dei Bruzi il sindaco Mario Occhiuto alla presenza dello stesso assessore Succurro, del capo di gabinetto Antonio Molinari e dellassessore Francesco Caruso.
Qui hanno snocciolato diversi punti interrogativi con fare confidenziale, dando del tu, attentissimi alle rispose che il sindaco gli ha dato.
Cosa ti piace di più del tuo lavoro?. “Perché hai scelto di fare il sindaco?” “È faticoso essere sindaco?. Come hai scelto gli assessori?. “Ci consiglieresti di diventare sindaco da grandi?. E poi, su tutto, la richiesta di far riparare lascensore dellistituto scolastico perché sta per tornare in classe un loro compagno che ha fatto un intervento e non può salire le scale.
Il sindaco ha naturalmente garantito sulla riparazione in tempi brevi e ha esposto su tutti gli argomenti (fra i quali, pure, non è mancato il cantiere della Metrotranvia) rivolgendosi ai giovani cittadini con un linguaggio semplice. Ognuno di noi ha detto tra le altre cose Occhiuto può fare molto per la comunità, anche senza essere sindaco. Io mi sto impegnando per lasciarvi una città migliore, che dia importanza alla salute e allo stare insieme. Qual è la cosa che mi rende più orgoglioso? Quando so di avere aiutato delle persone che vivono in difficoltà.
I bambini hanno donato al sindaco Occhiuto un loro lavoro sulla città con testi poetici e disegni. Occhiuto ha ricambiato lasciando in regalo a ciascun alunno i gadget raffiguranti le monete del tesoro di Alarico.

Leggi qui!

Reggio Calabria – Appuntamento promosso dal Cis della Calabria

Martedì 25 giugno 2019, alle ore 17:30, presso il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, …