Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Studenti calabresi a Bruxelles. Si è conclusa la visita promossa da Laura Ferrara

Studenti calabresi a Bruxelles. Si è conclusa la visita promossa da Laura Ferrara

Si è conclusa ieri la visita degli studenti calabresi al Parlamento europeo, iniziativa promossa dall’eurodeputata Laura Ferrara e che ha coinvolto quattro istituti d’istruzione secondaria calabrese ovvero: l’IPSCEOA di Botricello (CZ), l’Istituto tecnico statale Piria Ferraris/Da Empoli di Reggio Calabria, il Liceo Scientifico Filolao di Crotone e il Liceo Colosimo di Corigliano-Rossano.
«Sono  32 i ragazzi beneficiari del quarto bando “La scuola entra al Parlamento europeo” e che hanno avuto l’opportunità di visitare la sede europarlamentare di Bruxelles», Laura Ferrara illustra il bando che sin dal suo insediamento ha continuato a promuovere presso le scuole calabresi. Anche rispetto alle visite a Bruxelles il Movimento 5 stelle si è ampiamente contraddistinto dalla vecchia politica, solita invitare amici, parenti o portatori di voto.
«L’iniziativa nasce dall’esigenza di accorciare la distanza Calabria-Bruxelles – afferma la Ferrara –  così da far comprendere alle nuove generazioni come le decisioni del Parlamento europeo incidano sulle politiche locali. Oltre la visita al Parlamento – continua la Ferrara – i ragazzi e i docenti accompagnatori hanno partecipato al dibattito “Una giornata del futuro Innovazione e nuove professioni nell’era digitale”. La tematica è stata introdotta da relatori che da tempo si occupano di innovazione digitale: la Project manager del Giffoni Innovation Hub Barbara Costabile, il fondatore dei Nomadi Digitali, Alberto Mattei e il Social media expert Luca La Mesa. Attraverso le loro testimonianze ai ragazzi è stata offerta una visione delle tantissime opportunità che il futuro riserva nel campo dell’innovazione. Un ruolo importante hanno certamente la scuola e la politica. Da una parte gli insegnanti hanno la grande responsabilità di non rimanere indietro, camminare di pari passo con le aspettative dei propri studenti. Mentre il legislatore deve mettere a disposizione di questa generazione e di quelle future, strumenti legislativi, appunto, e infrastrutturali – penso alla banda larga, ai tantissimi territori ancora tagliati fuori da una connessione internet veloce- adeguati ai tempi che si evolvono. Mi ha fatto molto piacere notare il grande interesse suscitato nei ragazzi – conclude l’europarlamentare – i quali hanno portato alla luce diverse criticità lasciando intendere che una vera rivoluzione digitale in Calabria faccia ancora fatica ad avvenire».

 

Leggi qui!

Diamante (Cs), il convegno “Magna Grecia ‘Vivi con noi’ Calabria/Basilicata”

Una intensa giornata di studi sul tema del turismo si svolgerà sabato 23 febbraio a …