Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria – Appuntamento promosso dal Cis della Calabria

Reggio Calabria – Appuntamento promosso dal Cis della Calabria

Il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, con il patrocinio dell’Assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale di Reggio Calabria,venerdì 14 dicembre 2018, alle ore 16:45, presso la Pinacoteca Civica del comune di Reggio Calabria, nell’ambito del ciclo “Invito alla bellezza – Oltre l’Impressionismo, verso il Novecento”, promuove il primo incontro dal titolo “L’eredità dell’Impressionismo: Toulouse Lautrec ed il Neoimpressionismo di Seurat e Signac”. Introduce l’incontro la Dott.ssa Irene Calabrò, Assessore alla Cultura e alla valorizzazione del Patrimonio Culturale di Reggio Calabria.Attraverso video proiezione relazionerà il dott. Salvatore Timpano, studioso d’arte, componente del Comitato Scientifico del Cis. Coordinerà la manifestazione Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria. L’Impressionismoè una corrente artistica nata tra il 1860 e il 1870 e durata fino ai primi anni del Novecento. Nasce in contrapposizione all’arte accademica dell’epoca sfidando la critica con opere apparentemente incomplete, spesso realizzate in poche ore. Punto cardine dell’arte impressionista è la pittura all’aria aperta. Gli artisti impressionisti abbandonano i loro atelier per spostarsi all’esterno e dipingere la realtà “dal vivo”, cogliendo le molteplici sfumature dei colori. L’eredità che esso lascia è una eredità con cui dovranno confrontarsi tutte le esperienze pittoriche degli anni a venire. La grande rivoluzione dell’impressionismo è soprattutto una rivoluzione tecnica. Quello che però lo rende ancora attuale è la sua poetica, la piacevolezza con cui riesce a rappresentare ogni aspetto positivo della vita, la bellezza, la gioia, l’unicità e irripetibilità.

 

 

 

Leggi qui!

Reggina e Granillo; Gallo: ‘Sapevo che avrei trovato difficoltà, Comune risolverà”.

“Sapevo che a Reggio avrei potuto trovare delle difficoltà. Proprio per questo l’ho fatto. Sapevo …