Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Anelli (Cisl-Fim): “Stabilimento Hitachi, modello vincente di industria 4.0”

Anelli (Cisl-Fim): “Stabilimento Hitachi, modello vincente di industria 4.0”

Rosi Perrone, segretaria generale Ust Cisl Metropolitana ha fatto gli onori di casa, per la visita di Carlo Anelli coordinatore nazionale Cisl-Fim.
“Nel nostro contesto territoriale – ha esordito Perrone – abbiamo punti d’eccellenza da clonare: il polo reggino dell’Hitachi è uno di questi”.

La segretaria generale UST ha ribadito la sua posizione rispetto alla necessità di tutelare e valorizzare un patrimonio industriale e dunque sociale per l’intera città metropolitana – “Ho positivamente accolto il piano industriale di Hitachi, già rinvigorito mesi fa dall’accordo tra la divisione “RailItaly” del gruppo giapponese con il ministero dello Sviluppo economico e la Regione Calabria per il potenziamento dello stabilimento di Reggio Calabria. La Cisl ha apprezzato la politica industriale di Hitachi, caratterizzata da un serio investimento in termini di nuove assunzioni, e soprattutto da un progetto di ricerca e sviluppo che guarderà a tutto il territorio nazionale, con l’intento di incrementare la capacità produttiva, innovando le tecnologie industriali e implementando il processo di trasformazione digitale.Ad una politica industriale di investimento e di crescita forte, va ad aggiungersi un fatto di notevole portata, come quello del protocollo di legalità tra Prefettura, Questura e Unindustria con Hitachi”.
Il coordinatore nazionale Cisl-Fim Carlo Anelli è pienamente consapevole del percorso di crescita dello stabilimento reggino di Hitachi: “Il polo di Reggio Calabria sta diventando un fiore all’occhiello dell’intero gruppo. In questo percorso virtuoso di crescita aziendale, noi che abbiamo la responsabilità della rappresentanza, abbiamo al contempo l’obbligo di non abbassare la guardia. Stiamo lavorando in una direzione che metta al centro la proposta sindacale, e che generi un equilibrio tra le parti in ogni fase di contrattazione. Reggio Calabria è una realtà della quale andare orgogliosi e si pone in controtendenza rispetto ad altri contesti, nei quali non si evince un modello di sviluppo serio e credibile come quello che ho potuto ammirare in città. L’industria 4.0 deve necessariamente guardare al futuro, qualificando il presente, e a Reggio ho avuto la sensazione che questo stia già accadendo. Ho potuto costatare che la rivoluzione di Industria 4.0 ha inciso positivamente sui lavoratori, un processo virtuoso che ha punta sul loro benessere e che, grazie alla tecnologia, li pone nelle condizioni di operare meglio e, di conseguenza, essere più produttivi.”
Giuseppe Chiarolla segretario provinciale Cisl-Fim ha voluto sottolineare l’importanza dell’impatto sociale del nuovo corso aziendale di Hitachi: “Il grande risultato è stato la stabilizzazione di circa 42 lavoratori interinali, l’inserimento di qualche nuovo ingegnere per dare continuità a lavoro già svolto, l’apertura da parte dell’azienda, al bacino di riferimento voluto fortemente dalla FIM CISL RC, con l’incremento di nuove commesse”.

Leggi qui!

Lavoratori forestali, Flai-Cgil Area Vasta: “Proposte per tutela territorio”

Proprio in queste settimane, lungo i territori delle province di Crotone, Catanzaro e Vibo Valentia, …