Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Taurianova (RC), il 10 novembre la presentazione del libro di Rocco Lentini

Taurianova (RC), il 10 novembre la presentazione del libro di Rocco Lentini

L’ultimo libro dello storico Rocco Lentini, “Il labirinto e il filo. I Costituenti calabresi” Città del Sole edizioni, sarà presentato a Taurianova questo sabato, con inizio alle ore 17,00, presso l’Auditorium “Macrì-Terranova” dell’Istituto Tecnico “Gemelli Careri”.

L’iniziativa, intitolata “Costituente e Costituzione tra coesione e alterità”, è organizzata dal Comune di Taurianova, di recente insignita del titolo “Città che Legge”, in collaborazione con Consulta delle Associazioni, TaurianovaTV, Istituto Tecnico “Gemelli Careri” e l’Ordine degli Avvocati del Foro di Palmi che ha accreditato l’evento per il riconoscimento di due crediti formativi agli avvocati e ai praticanti che parteciperanno all’evento.

All’incontro, al quale parteciperà lo storico Rocco Lentini autore del volume, dopo i saluti istituzionali del sindaco di Taurianova Fabio Scionti, del dirigente scolastico del “Gemelli Careri” Pietro Paolo Meduri e dal Presidente dell’Ordine degli Avvocati Francesco Napoli, discuteranno i magistrati e dottori di ricerca Francesco Jacinto e Ilario Nasso, moderati dall’assessore alla Cultura di Taurianova Luigi Mamone.

L’ultima fatica di Lentini rappresenta uno studio interessante che non era ancora stato indagato da nessuno. Infatti, nel volume, si è accinto a elencare tutti i calabresi che hanno preso parte ai lavori dell’Assemblea Costituente tracciando, per ognuno di loro, il profilo politico assunto durante il fascismo e dopo la Liberazione. Emerge così il contrasto di una Costituzione nata dall’antifascismo ma scritta con il contributo di alcuni fascisti riciclati, da tutti i partiti, nelle istituzioni democratiche. Un fatto di non poco conto che serve per capire i difetti della Costituzione del ’48, nonché per spiegarci come la borghesia agraria è riuscita a mantenere il potere anche dopo la caduta del Fascismo e come sentimenti fascisti sono riusciti a resistere nel tempo grazie a quelle nuove istituzioni democratiche che li mettevano al bando. E il tutto è correlato con una descrizione del lavoro e degli interventi svolti dai nostri corregionali nell’Assemblea che si è prefissa di scrivere la nostra Magna Charta.

L’incontro, senz’altro, sarà una lezione storica e sociologica che illustrerà ai partecipanti molti aspetti della società italiana del dopoguerra e dei giorni nostri.

Leggi qui!

A Vallefiorita (Cz) la sesta edizione del festival “La Valle delle Storie”

Sabato 17 novembre si aprirà “La Valle delle Storie” il festival della parola, della musica …