Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Cosenza – Più arti più liberi

Cosenza – Più arti più liberi

Due intensi giorni di confronto attorno al tema Più arti più liberi.

Due intensi pomeriggi vissuti nella sala convegni del BoCs Art Museum allinterno del complesso monumentale di San Domenico in un confronto tra operatori culturali e istituzionali. Per la prima volta, le residenze artistiche dei BoCs Art, sotto lattuale curatela di Giacinto Di Pietrantonio e Tommaso Pincio, si affacciano alla parola, primario approccio del pensiero a esprimere la realtà, e ne esce uno spaccato che è esigenza di comunicare i contenuti di ciò che appare e che può apparire. Oltre lapparenza, nel significato intrinseco delle arti. Tavole rotonde a più voci hanno interessato il pubblico con suggestive discussioni che hanno visto alternare le relazioni degli artisti in residenza, di giornalisti, architetti. Rimarrà impresso lo scambio dialettico tra larchitetto e docente Unical Mauro Francini e il sindaco Mauro Occhiuto, alla presenza degli scrittori Giorgio Falco e Sabrina Ragucci, sulla necessità di ripensare il centro storico nel legame con il mondo della conoscenza accademica non tanto come luogo dove trasferire facoltà universitarie bensì dove realizzare residenze studentesche, sede di ricerca, spin-off. Riflessioni sui temi locali e sullarea urbana che sono confluite, nella giornata di sabato, sulle nuove forme del fare giornalismo attraverso la fotografia del vice sindaco e assessore alla Cultura Jole Santelli relativa a quella che oggi è una comunicazione selvaggia senza più regole. Tra tutti i validi cronisti intervenuti, lanalisi del capo redattore della Gazzetta del Sud, Arcangelo Badolati, è un mea culpa sulla responsabilità delleditoria e del giornalismo riguardo allo sviluppo di una società e alla resa mediatica che ne consegue (abbiamo un grande debito nei confronti dellarte e della bellezza che vanno narrate).
Come Fil rouge di tutto questo, emerge limportanza dellindirizzo di chi governa, perché larchitettura, la rigenerazione urbana, la produzione culturale contemporanea prendono vita e forma nelle esperienze di ciò che la città offre.
Il convegno di venerdì e sabato scorsi ha contribuito anche a intensificare ulteriormente lo sguardo degli artisti in residenza con il territorio da cui traggono ispirazione durante la permanenza nei BoCs.
Il prossimo appuntamento in calendario è fissato per mercoledì 21 novembre alle 20 al cinema Modernissimo di corso Mazzini dove è prevista la proiezione del primo lungometraggio di finzione della regista e sceneggiatrice Caterina Carone, Fräulein – Una fiaba d’inverno (anno 2016). Prima della visione del film, alle 19,30, la regista dialogherà con lattore Max Mazzotta che ha preso parte a questa sua opera.

Leggi qui!

Coldiretti: arriva l’etichetta per distinguere pane fresco e decongelato

Finalmente potremo distinguere fra pane fresco e pane scongelato.  Arrivano le nuove norme per distinguere …