Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Verso il primo polo tecnico-scientifico di Cosenza

Verso il primo polo tecnico-scientifico di Cosenza

Un’idea “antica” che, finalmente, si potrebbe concretizzare grazie al connubio di patrimoni professionali, culturali ed esperienziali di tre istituti storici della città: il Pezzullo, il Quasimodo e il Serra.“Con grande emozione e un pizzico di orgoglio – riferisce il neo Dirigente Scolastico, prof.ssa Rosita Paradiso –, comunico alla città di Cosenza e alla provincia tutta che a partire dal corrente anno scolastico prende il via una grande esperienza didattico – organizzativa. I nostri ragazzi, infatti, potranno godere dei vantaggi offerti dalle risorse umane, strutturali e strumentali presenti nelle due sedi dell’I.I.S. Un’esperienza che metterà a disposizione un vasto ventaglio di opportunità umane, formative e professionali. Il nostro Istituto, infatti, rientra fra le 100 scuole d’Italia selezionate dal Ministero della pubblica Istruzione per la sperimentazione del percorso di studi quadriennale, offre possibilità di percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro innovativi e altamente professionalizzanti sia per l’ambito tecnico, sia per quello scientifico. A tal riguardo, da

 

 

tempo, l’Istituto intrattiene costanti rapporti di collaborazione con l’Università della Calabria, con l’Azienda Ospedaliera, con la Prefettura, con la Regione Calabria, con l’Agenzia del Territorio, con la Guardia di Finanza, con la Magistratura, con diverse associazioni di categoria (Confindustria, Confcommercio, Camera di Commercio), Istituti bancari, studi professionali, ecc..

L’offerta formativa – prosegue il Dirigente Scolastico – si arricchisce adeguando le indicazioni ministeriali ed europee alla domanda/offerta del mercato del lavoro. Grazie a docenti opportunamente formati e con fondi propri secondo il Piano Nazionale della Formazione, l’Istituto da quest’anno, caso unico su tutto il territorio nazionale, offre l’opportunità di plasmare nuove professionalità nel mondo tecnico scientifico quali, ad esempio, specialisti nell’uso del BIM (Building Information Modelling).

In definitiva – conclude la prof.ssa Paradiso – sarà un percorso ricco di qualità, stimoli e innovazione per i ragazzi, le famiglie e il territorio”.

Leggi qui!

Un Sms solidale per Nuovi Orizzonti

La comunità Nuovi Orizzonti opera da 25 anni in prima linea nella prevenzione, formazione e …