Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Bevacqua: “È necessario intervenire in maniera più incisiva sulle aree interne”

Bevacqua: “È necessario intervenire in maniera più incisiva sulle aree interne”

“Salvaguardia del territorio e occupazione si possono e si devono sorreggere a vicenda”.

È quanto ha sostenuto ieri mattina a Roma, in un incontro su “Ambiente e Fondi europei”, il presidente della Commissione Ambiente e Trasporti Mimmo Bevacqua. Nel corso del suo intervento, Bevacqua si è soffermato su tre punti, a suo parere fondamentali: la situazione idrogeologica della nostra regione, che ha definito estremamente preoccupante; lo spopolamento delle aree interne, che non accenna a diminuire; la mancanza di opportunità occupazionali, che determina la desertificazione di quei territori che maggiormente necessitano della presenza antropica. Il presidente Bevacqua ha rimarcato, pertanto, la stretta correlazione tra queste tre problematiche che, parole testuali, “necessitano di una soluzione che li renda parte di un’unica grande tematica”. Ha altresì espresso la sua amarezza nei confronti della classe dirigente calabrese, per la troppa timidezza con cui si affrontano tali problematiche. “Nelle relazioni ascoltate stamattina – ha dichiarato Bevacqua – ho riscontrato che tali difficoltà si manifestano anche in altre regioni italiane ma, mai come in questo caso, mal comune non è mezzo gaudio Non sono abituato ai grandi giri di parole e parto da una constatazione non contestabile: da qui a pochi anni, il bacino degli operai forestali si svuoterà definitivamente e, senza una costante manutenzione ordinaria, non è pensabile nessuna reale possibilità di prevenzione ambientale. C’è, pertanto, bisogno di un piano per formazione sul campo di un numero congruo di giovani e per la loro successiva immissione entro un sistema coordinato di interventi di difesa del suolo, mitigazione del dissesto e prevenzione del rischio idraulico e geomorfologico. Non è un costo: è un investimento lungimirante”. “Le risorse UE –ha concluso Bevacqua – sono l’unica maniera per avviare e condurre in porto un tale progetto che coniuga difesa del territorio, ricaduta occupazionale e mantenimento della presenza umana nelle aree disagiate. Ma è necessaria la volontà politica di rivolgere i fondi disponibili verso un canale consistente, evitando la dispersione in una miriade di interventi non risolutivi: ne discuterò a breve con il presidente Oliverio”.​

Leggi qui!

Reggio Calabria – incontri dedicati alla storia del Risorgimento in Calabria

Con una serie di incontri dedicati alla storia del Risorgimento in Calabria e alla partecipazione …