Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Messina – La seconda edizione de “Il Cortile – Teatro Festival”

Messina – La seconda edizione de “Il Cortile – Teatro Festival”

Il successo dell’anno scorso è stato strepitoso, tanto da costringere gli organizzatori ad approntare repliche supplementari. Torna con questo attestato di qualità, rilasciato dal pubblico, “Il Cortile – Teatro Festival” che quest’anno si presenta con un cartellone più ampio. Cinque spettacoli, tutti di lunedì, di cui quattro in prima a Messina. Importanti nomi siciliani, che hanno acquisito una notorietà importante in tutta Italia quali, per esempio, Gaspare Balsamo (già protagonista un anno fa), Turi Zinna e Nella Tirante.

“Il Cortile – Teatro Festival” è organizzato dall’associazione “Il Castello di Sancio Panza”, con la direzione artistica di Roberto Zorn Bonaventura e la collaborazione di Giuseppe Giamboi. Prende il nome dal suo insolito palcoscenico, allestito nel suggestivo spazio interno del settecentesco Palazzo Calapaj – D’Alcontres, in strada San Giacomo, accanto al Duomo.

Si comincerà il 16 luglio con uno spettacolo molto atteso: “Di Concetta e le sue donne”, tratto dal romanzo di Maria Attanasio, che evoca la storia vera di Concetta La Ferla e della sua lotta militante per l’emancipazione delle donne siciliane. Regia di Nicoleugenia Prezzavento, in scena ci saranno Rita Salonia e Nicoletta Fiorina.

Il 23 luglio tornerà Gaspare Balsamo, autore, interprete e regista di “Camurria”. Lo spettacolo nasce dall’idea affascinante che dietro il mondo dei Pupi e delle Marionette ci siano le storie delle persone e delle loro famiglie, le vite dei pupari e dei cuntisti.

Il 30 luglio sarà la volta di “Fidelity Card”, premio Teatri del Sacro 2017, scritto e interpretato da Nella Tirante, insieme con Gianmarco Arcadipane. Regia di Roberto Zorn Bonaventura. Una riflessione sulla disabilità, o meglio “specialità”, sulla fede. sull’accettazione e sul rapporto madre-figlio.

Il 6 agosto sarà in scena una novità assoluta: “Lo scoglio del Mannaro”, di e con Simone Corso. Al centro lo “scontro” tra un giovane scrittore incompreso e una realtà improbabile, proveniente dal passato.

Infine, il 13 agosto chiusura con uno degli spettacoli più attesi: “Il muro – cronachetta drammatronica di una civile apartheid”, di e con Turi Zinna, regia di Federico Magnano San Lio. Sarà un oratorio techno, un incontro tra beat elettronici e prosodia, liberamente adattato dal racconto di Salvatore Zinna “Una storia per errore”, pubblicato nella raccolta “Catania sotterranea”.

A fine rappresentazione il pubblico, intrattenendosi con gli artisti, potrà godere ancora di più del “cortile”, gustando i prodotti del ristorante ‘A Cucchiara di Giuseppe Giamboi.

Ma anche quest’anno non è stato facile allestire il festival, sempre senza né collaborazioni né fondi né pubblici. «Abbiamo deciso di non fermarci – dice Roberto Zorn Bonaventura -, di darci speranza. Quella di continuare a vivere di teatro, di proporlo alla città, nonostante le istituzioni non mettano la cultura fra le priorità per il cittadino, anzi per l’uomo. La speranza è quella che vedrete negli spettacoli e nelle compagnie in scena. Storie vere di caparbietà e di lotta per ottenere i propri diritti, per superare i limiti imposti dalla società, per riconoscere e non ripetere gli sbagli che la storia ci insegna, per andare avanti, per andare oltre. Sì, noi, a questo andare avanti, ci crediamo».

Leggi qui!

La stagione concertistica del Conservatorio Cilea continua ad ottobre

Giovanni Baglioni, Claudio Bettinelli, Simonide Braconi, Francesco Branciamore, Ciro Carbone, Omar Daini, Gabriele Evangelista, Roberto …