Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Crotone – Convegno del Lions su “Passato presente e futuro dell’Antica Kroton”

Crotone – Convegno del Lions su “Passato presente e futuro dell’Antica Kroton”

Il Convegno di sabato 23 Giugno alle ore 16,30, si propone di dare un proprio contributo ed il punto di vista di insigni studiosi dell’archeologia magno greca da mettere a confronto ed a disposizione del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Calabria e del Comune di Crotone.
Relaziona Alfredo Ruga, Archeologo Mibact: “Kroton, città sotto la città e problemi di conservazione”, Senatrice Margherita Corrado, “Kroton non è Pompei: Elogio alla Precarietà”,Vincenzo Spagnolo: “Primi passi del Centro storico di Crotone in 3D – Proiezione della ricostruzione virtuale in 3D di Metaponto, altra città achea.
Proseguono Giovanni Leuzzi e Giuseppe Scardozzi (Cnr Ibam – Lecce): “Kroton che verrà. Le prospezioni geofisiche, l’aerotopografia archeologica e il telerilevamento da satellite come premessa allo scavo archeologico e per la ricostruzione antica della città”.
Mentre Francesco Gabellone (Responsabile scientifico ITlab dell’Ibam Cnr, Lecce) argomenta su “Kroton che verrà. Archeologia virtuale e nuovi linguaggi digitali per la comunicazione scientifica e culturale. Le opportunità offerte dalle tecniche di rappresentazione 3D foto-realistica nei filmati divulgativi nelle istallazioni immersive”.
Seguirà infine l’intervento del Lion Fabrizio Meo, già Consigliere comunale e le conclusioni del Presidente Lions Club Crotone Host, Giancarlo Sitra.
“La preoccupazione di perdere un’altra occasione per “Antica Kroton” – dice Sitra – nasce dalla distribuzione e destinazione dei 61,7 milioni di euro dell’omonimo progetto, sottostante al succitato accordo: 15 milioni destinati all’area davanti alle fabbriche dismesse, area da sempre alluvionale, che lascia presagire la quasi totale cancellazione dell’Antica Kroton. 26 milioni e più all’area urbana, e precisamente il centro storico, di poco o nessuno interesse per l’antica Kroton, Acquabona e Parco Pignera, “due zone marginali della Polis Achea, dagli insufficienti 7 milioni di euro destinati a Capo Colonna (“area archeologica Lacinia”), sede del principale santuario di Kroton, nei quali è compresa la messa in sicurezza della strada Crotone – Capo Colonna, e l’Area Marina Protetta, che nulla hanno a che fare con l’antica Kroton”.

Leggi qui!

Reggio Calabria – Perla dello Stretto, buon compleanno con Bianca Atzei

Dopo il successo dei mini live e dei firma copie di Irama e Carmen, è …