Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Caso Asp di Catanzaro, Mangialavori: «Sanità in mano a irresponsabili»

Caso Asp di Catanzaro, Mangialavori: «Sanità in mano a irresponsabili»

«Quanto avvenuto nell’Asp di Catanzaro dimostra, ancora una volta, che la sanità calabrese è guidata da manager irresponsabili, protetti da una classe politica ipocrita e sconsiderata». È quanto dichiara il senatore di Forza Italia Giuseppe Mangialavori.
«Lascia senza parole – continua il parlamentare calabrese – l’ultima decisione del management dell’Asp di Catanzaro, che ha dato il via alla liquidazione di un “premio” superiore ai 18mila euro a favore del direttore generale. Eppure, il presidente della Regione aveva chiesto a tutti i vertici delle Aziende sanitarie di non procedere con le assegnazioni degli incentivi, che pure erano stati autorizzati dalla giunta, “avendo riguardo per l’attuale situazione di sofferenza del sistema sanitario regionale”».
«Un invito – aggiunge Mangialavori – accolto da tutti, ma in modo del tutto ipocrita, dal momento che, solo sei mesi dopo, con il clamore della vicenda ormai venuto meno, l’Asp di Catanzaro ha comunque provveduto a premiare il suo capo, il cui mandato, tra l’altro, è in scadenza. La motivazione fornita dagli uffici è tutta un programma: il dg avrebbe diritto a questo nuovo beneficio economico in quanto ormai “superate” le “ragioni di opportunità” che precedentemente lo avevano bloccato».
«Questa affermazione – prosegue il senatore azzurro – la dice lunga sullo spessore degli uomini che Oliverio ha piazzato negli enti nevralgici della sanità regionale; manager che sembrano venuti da Marte, del tutto indifferenti a quanto quotidianamente avviene nei nostri ospedali e allo stato disastroso dei servizi sanitari, che dipende in gran parte dal loro operato».
«Ma la vicenda dell’Asp di Catanzaro – sottolinea ancora Mangialavori – è ancora più grottesca se messa di fronte a una certezza: le Aziende sanitarie hanno chiuso i bilanci in negativo, per cui, in base a una precisa legge regionale, Oliverio avrebbe dovuto rimuovere i manager che hanno contributo al disavanzo o non sono riusciti a colmarlo. Invece, ci troviamo di fronte a un dg che, applicando le direttive della giunta regionale, si fa addirittura attribuire un premio dall’Azienda che dirige».
«C’è quanto basta – conclude il parlamentare di Forza Italia – per indignarsi e chiedere a gran voce a Oliverio di avviare tutte le procedure per rimuovere manager che, oltre a dimostrarsi incapaci di governare la sanità, sembrano sprovvisti anche di un briciolo di buonsenso».

Leggi qui!

Crotone – Barbuto (M5S): “Sbigottita che il sindaco si interessi ora di sicurezza”

“Restiamo sbigottiti dal tentativo, che francamente abbiamo difficoltà a definire vista la tragedia del viadotto …