Home / CITTA / Cosenza / Studenti dell’Unical al 1° Campus dell’Antimafia sociale di Scampia

Studenti dell’Unical al 1° Campus dell’Antimafia sociale di Scampia

Sono 50 gli studenti dell’Università della Calabria che parteciperanno al 1° Campus dell’Antimafia sociale organizzato dal 6° Forum della Rete delle R-Esistenze Meridionali che si terrà a Scampia, da domani, venerdì 18,  fino a domenica 20 maggio, presso l’Officina delle Culture Gelsomina Verde.

Il Forum è nato 6 anni fa dalla fusione delle esperienze di Pedagogia della R-Esistenza, progetto scientifico-didattico dell’Università della Calabria, e di (R)esistenza Anticamorra di Scampia, e si pone l’obiettivo di trasformare in prassi, attraverso il confronto con i territori, le nozioni pedagogiche che gli studenti apprendono nei corsi accademici. Gli universitari di Arcavacata si confronteranno con le locali realtà associative e sociali, alla ricerca di modelli empirici di pedagogia dal basso. La manifestazione, organizzata senza denaro pubblico in continuità con la storia politico-pedagogica degli organizzatori, è articolata in tre giornate, che prevedono mostre fotografiche, incontri, dibattiti, visite del Quartiere e dei suoi presidi di resistenza culturale e territoriale, inclusi i beni confiscati alle mafie e riutilizzati socialmente, come il Fondo Amato Lamberti sito in località Chiaiano e gestito da (R)esistenza Anticamorra. Alle iniziative parteciperanno, tra gli altri, lo scrittore Pino Aprile, e i giornalisti Michele Inserra e Gianfranco Bonofiglio.

«Lanciamo l’idea del Campus dell’Antimafia sociale, dichiarano Ciro Corona e Giancarlo Costabile, per lavorare in modo organico e metodico all’affermazione di una cultura della cittadinanza attiva e dei diritti sociali che sono il vero antidoto alla società mafiosa e alla sua pedagogia. La lotta alle mafie, continuano Corona e Costabile, non può nutrirsi di retorica e passerelle: occorre rilanciare il modello di Peppino Impastato che faceva della militanza e della testimonianza i vettori del suo impegno civile. Le R-Esistenze Meridionali, chiudono Corona e Costabile, si pongono come soggetto territoriale dinamico e concreto in grado di farsi incubatore di una pedagogia militante della Costituzione quale strumento di ricostruzione socio-economica del Paese, a partire dal Meridione. Vogliamo essere una narrazione del riscatto meridionale attraverso la lotta, e non del lamento attraverso la rassegnazione».

Leggi qui!

La prossima residenza artistica ai BoCs Art di Cosenza incentrata sulla scrittura

Una residenza di scrittori, registi, fotografi, artisti, per un novembre dedicato alle arti. L’edizione 2018 del progetto BoCs …