Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Reggio Calabria, presentato libro di Caterina Sorbara
Reggio Calabria, presentato libro di Caterina Sorbara

Reggio Calabria, presentato libro di Caterina Sorbara

E’ stato presentato a Reggio Calabria, nella Sala di San Giorgio al Corso il libro della scrittrice Caterina Sorbara : “Il Segreto delle Pietre- Città del Sole Edizioni”.
Stefano Iorfida, Presidente dell’Associazione Culturale Anassilaos, ha sottolineato l’importanza dell’evento in vista della Giornata Internazionale della Donna che, il sodalizio reggino celebra con una serie di incontri al femminile.
Nel presentare la Sorbara, feconda scrittrice calabrese, Iorfida ha detto : “Il Segreto delle Pietre è un libro che parla di donne scritto da una donna”.
A seguire la prof.ssa Francesca Neri ha relazionato sul libro che rappresenta una perla preziosa della letteratura calabrese.
“ L’autrice ripercorre la vita di una giovane donna, Ester Maria Orsi, stilista newyorkese,figlia di emigrati calabresi.
Una donna di successo,affermata, apparentemente destinata ad amori impossibili,dopo il lavoro e le sfilate, l’unica sua fedele compagna è la solitudine.
Una solitudine che la porta alla ricerca di sé stessa e delle proprie origini.
La storia abbraccia epoche diverse e diverse location : New York, il Quebec, la Piana di Gioia Tauro, Locri e infine Crotone.
Sullo sfondo il fumo dei piroscafi e il dramma dell’emigrazione italiana.
Paesi della Calabria che si svuotavano,affetti abbandonati,il dramma dell’addio al focolare e poi l’arrivo “a Merica”, i sacrifici,le umiliazioni, una nuova vita, migliore, dove tutto cambia, persino il Natale.
Non più il profumo del muschio raccolto negli uliveti pianigiani, né il sapore delle zeppole ma il tacchino ripieno, con contorno di patate e salsa di mirtilli e in seguito le luci del Rockefeller Center.
Nonostante tutto “a Merica”, non lenisce la nostalgia delle origini; tutto rimane nascosto nel profondo del cuore:gli uliveti, le tradizioni, le feste, le credenze popolari,i profumi, i sapori.
Anche a Vancover la nonna “toglieva il malocchio”.
Ester grazie all’aiuto del dott. Enzo Zirino che, attraverso sedute di ipnosi l’aiuta a ripercorre un viaggio a ritroso nel tempo nella terra natia dei genitori.
Ed ecco la Piana di Gioia Tauro tra la fine del il 1700 e il 1800, quando gli amalfiani e i genovesi si trasferirono nella Piana,attratti dal fiorente commercio.
Era un via vai continuo di merci che giungevano a gioia su grandi velieri, per poi venire scaricati nei silos costruiti alla marina.
I commercianti acquistavano per proprio conto o per quello dei commercianti della Piana. I frutti della terra,soprattutto olio,vino e grano, giungevano sulla costa gioiese trasportati su robusti muli per poi essere conservati in grandi botti che, accuratamente chiuse,venivano caricate su bastimenti.
Le mete di quei velieri erano Messina,Marsiglia,Nizza ma anche Russia e Inghilterra.Il commercio con gioia rivestiva una grande importanza economica,tanto da indurre molti paesi ad aprire sedi consolari nella cittadina tirrenica.
Stati Uniti,Inghilterra,Brasile,Svezia,Spagna,Norvegia, Francia e Germania avevano propri rappresentanti dislocati a Gioia Tauro.
E poi ancora indietro a Locri Ephizefiri ,importante e incantevole colonia greca, il culto per la dea Afrodite,le pinakes,bellissime tavolette votive.
I tramonti e le albe sul Mar Ionio.
La magia di Palazzo Capogreco a Contrada Moschetta, dove ancora di notte si odono in lontananza gli inni ad Afrodite e alle nari arriva prepotente un dolce profumo che sa d’Incenso, di rose,di mirto,di ginestra, di oleandro, di mare, di eternità.
Subito dopo Crotone , il culto Hera, la più grande tra tutti gli dei,la dea per eccellenza, sorella e moglie di Xeus e madre di altri dei come Ares,Hebe,Prometeo,Hekate, Ephaistos.
Il tempio di Hera a Crotone era il Santuario principale della polis crotonese.
Ma al di sopra di tutto l’Amore,questa alchemica parola,senza la quale non avrebbe senso vivere.
Ester,Violetta e Nemerte, amano al di sopra di tutto e tutti, donne determinate e passionali che amano fino e oltre la morte.
La Neri conclude dicendo:”Nel libro si evince il senso di appartenenza che la scrittrice sente per la sua terra: la Calabria, in particolare per la Piana di Gioia Tauro e l’anima di Ester, è l’anima stessa del Sud”.
Subito dopo l’autrice, dopo aver ringraziato il sodalizio reggino per l’ospitalità, si è soffermata sulla genesi del libro, ribadendo il suo amore per la Calabria: “ una terra maledettamente bella e maledettamente ricca di contraddizioni,dove le parole molte volte non servono,basta uno sguardo,diretto e sincero,e non servono i ruoli sociali,la “posizione” a misurare il grado di un uomo.
Una terra fiera e selvaggia,capace di darti molto amore molto dolore al tempo stesso, che porti impressa nell’anima,fin dalla nascita,scolpita nel fuoco della saggezza millenaria delle sue montagne,nell’incanto delle sue albe e dei suoi tramonti,nella freschezza delle sue acque”.

Leggi qui!

Reggina-Cavese, Kirwan non ci sta: ‘Un errore può cambiare le partite’

Il gol che sblocca il punteggio di Reggina-Cavese è viziato da un contratto dubbio tra …