Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Messina – Protocollo della Rete Europea delle città libere da pesticidi

Messina – Protocollo della Rete Europea delle città libere da pesticidi

L’assessore all’Ambiente, Daniele Ialacqua, ha trasmesso una nota al sindaco, Renato Accorinti, alla Giunta municipale, al dipartimento Cimiteri e Verde Urbano e alla Messinaservizi Bene Comune s.p.a., per promuovere la firma del Protocollo della Rete Europea delle città libere da pesticidi. Nell’appello, che proviene dal progetto PAN Europe (Pesticidi Action Network Europe), rete di organizzazioni non governative (ONG) che promuove alternative sostenibili ai pesticidi, si evince che “PAN Europe, insieme ai suoi membri affiliati, sta creando una rete congiunta di città libere dai pesticidi in tutta Europa. La Rete delle Città Libere dai Pesticidi prevede un’Europa in cui l’uso di pesticidi sia ridotto al minimo e sostituito con alternative sostenibili, tutelando in questo modo la salute dei cittadini e dell’ambiente e garantendo una migliore qualità di vita. L’obiettivo principale è riunire una massa critica di città impegnate ad eliminare l’uso degli antiparassitari e fornire una piattaforma europea all’interno della quale condividere esperienze, pratiche e conoscenze, ricevendo un supporto reciproco. La rete mira, inoltre, ad aumentare la consapevolezza politica a tutti i livelli. L’adesione alle Città Libere dai Pesticidi richiede un impegno politico, vale a dire firmare il Protocollo in modo che i risultati conseguiti possano essere utilizzati anche per sostenere ulteriori adesioni a livello nazionale ed europeo. Il Protocollo è un impegno per le città che stanno lavorando per bandire i pesticidi dal loro territorio, o che sono già senza pesticidi e vogliono fare di più (ad esempio vietando i pesticidi anche nelle aree agricole, o supportando l’agricoltura biologica, etc.)”. “Considerato che il comune di Messina – sottolinea l’assessore Ialacqua – non usa pesticidi negli spazi verdi e che esistono metodi alternativi per rimuovere le erbacce, sia meccanici (spazzole, tagliaerba, ecc..) che termici (fiamma diretta, vapore, ecc..) oltre che altri metodi ecologici, per il cui uso l’assessorato Ambiente ha già in passato dato indicazioni agli uffici ed insisterà ulteriormente in tal senso nei confronti del dipartimento Cimiteri e Verde Urbano e della società Messinaservizi Bene Comune, ritengo che l’appello sia meritevole di essere accolto e che il protocollo possa essere sottoscritto facendo inserire la città di Messina nella Rete europea dei comuni liberi da pesticidi”.

Leggi qui!

Reggio Calabria, l’iniziativa “Cucina solidale – Riscatto per la legalità”

Biesse Promuove “Cucina solidale – Riscatto per la legalità” con lo chef Filippo Cogliandro, giovedì …