Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Catanzaro – Emergenza Pronto Soccorso, Abramo chiede conto ai direttori generali

Catanzaro – Emergenza Pronto Soccorso, Abramo chiede conto ai direttori generali

Sull’emergenza “pronto soccorso” continuano a registrarsi notevoli ritardi. Sono passati 50 giorni dall’ultima riunione operativa tra le tre Aziende sanitarie e ancora non si ha notizia dell’annunciato “piano”, nonostante la situazione continui a restare molto tesa.
Il sindaco Sergio Abramo, che dallo scorso agosto sta conducendo una battaglia per la soluzione di questo drammatico problema, ha preso carta e penna ed ha chiesto ufficialmente ai direttori generali delle tre aziende di sapere che fine ha fatto l’annunciato piano straordinario che doveva comprendere – come si ricorderà – forme ufficiali di collaborazione per alleggerire la pressione sul “pronto soccorso” del “Pugliese”.
Abramo ha chiesto di ricevere informazioni entro dieci giorni, riservandosi di emettere – in caso di mancare risposte – una nuova ordinanza sindacale, con i poteri conferitigli dalla legge in materia di emergenze sanitarie, che sarà trasmessa anche all’autorità giudiziaria.
Ecco il testo della lettera inviata dal sindaco ai direttori generali della “Pugliese-Ciaccio”, Giuseppe Panella, della “Mater Domini”, Antonio Belcastro, e dell’ASP, Giuseppe Perri.
“Le gravi problematiche del Pronto Soccorso dell’ospedale “Pugliese” sono state trattate, su mia iniziativa, nella riunione dello scorso 15 gennaio. Era stato preso l’impegno di approntare, nel giro di dieci giorni, un piano – da concordare tra le tre Aziende che insistono sul territorio – per alleggerire la pressione sul servizio e dare così concrete risposte ai cittadini e agli stessi operatori.
A tale scopo, il successivo 30 gennaio si è svolta una riunione operativa per mettere a punto tale piano, attraverso un sistema di protocolli tra le aziende che prevedano il ricovero breve dei pazienti stabilizzati anche presso il Policlinico “Mater Domini”.
A distanza di quasi 50 giorni, nonostante il Pronto Soccorso sia stato teatro di gravi tensioni tra operatori e utenti, non mi è giunta notizia del varo di questo piano e delle iniziative eventualmente intraprese per affrontare tale emergenza.
Con la presente, nella mia qualità di principale autorità in materia sanitaria della città, Vi invito a fornirmi entro dieci giorni copia del piano relativo alla nuova organizzazione del Pronto Soccorso.
Trascorso tale termine, sarò costretto, mio malgrado, ad emettere una nuova ordinanza sindacale che trasmetterò, per competenza, all’Autorità Giudiziaria”.

Leggi qui!

Melicchio: “inaccettabile ritardo della Regione Calabria sui tirocinanti Mibac”

Il deputato calabrese del M5S Alessandro Melicchio, componente della Commissione Cultura alla Camera, interviene sui …