Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Rossano (Cs) – Centro storico spento, critica diffusa

Rossano (Cs) – Centro storico spento, critica diffusa

Guardandosi bene dall’entrare nel merito di quanto evidenziato e di prendere atto, con un minimo di umiltà, dell’evidenza delle deficienze e dei rilievi critici fatti e che rappresentano ormai una constatazione ed una lamentela diffusa nelle piazze e nell’opinione pubblica, il Vicesindaco ha preferito invece vagheggiare o tentare di offendere, perdendo una buona occasione per tacere e rimediando una pessima figura di stile per se stesso e purtroppo per l’intera amministrazione comunale.
È quanto dichiara Giuseppe CAPUTO invitando l’assessore al turismo ad evitare – aggiunge – di ergersi a gigante dell’Esecutivo, quale egli non è, per tanti motivi, a partire dalla scarsissima esperienza e, purtroppo, dallo scarsissimo equilibrio che egli ha dimostrato e dimostra nell’accettare critiche. Altrimenti – va avanti – con tanta saccenteria e miopia rispetto al merito dei problemi, egli rischia sì di immaginarsi come un gigante, ma con i piedi di argilla!
Tanto più rispetto – dice – ad una tema, quello delle politiche per i turismi, che resta oggi tra quelli più complessi, delicati e strategici non solo per l’immagine quanto per il reale sviluppo di una destinazione o di una città d’arte come ROSSANO, dalle innumerevoli potenzialità inespresse o semplicemente ignorate, come sta accadendo oggi a causa della reiterata sottovalutazione rispetto al centro storico.
CAPUTO coglie quindi l’occasione per chiedere all’assessore al turismo quali siano i costi delle luminarie nel centro storico la cui installazione è stata affidata ad una ditta cosentina. Non solo. È vero oppure no che l’illuminazione viene incrementata giorno dopo giorno, forse per placare le critiche dei cittadini?
Se c’è una particolarità che mi ha sempre contraddistinto – prosegue – e che mi viene riconosciuta a più livelli e non da oggi è proprio l’onestà intellettuale e l’interesse assoluto dimostrato per la crescita e lo sviluppo di ROSSANO. Non ho bisogno di ricorrere all’argomento luminarie per rilanciare la mia figura politica; né tanto meno di intervenire in qualità di padre di un ex assessore al turismo. Interpretando in modo critico e propositivo il ruolo di consigliere comunale di opposizione, continuo da diversi decenni a considerarmi, sempre e comunque, uomo delle istituzioni.
Oltre, tuttavia, la caduta di stile fatta fare irresponsabilmente a tutto l’Esecutivo rivolgo al Vicesindaco – continua – l’invito a voler analizzare meglio la sua programmazione socio-culturale natalizia 2017 che – resta documentato ed evidente – non solo non valorizza come dovrebbe il centro storico, ma non è neanche frutto progettuale del suo assessorato, essendo stata proposta e realizzata da altri.
ZAGARESE – scandisce – si è forse limitato a sponsorizzare qualche prodotto tipografico per tentare di divulgare un calendario di eventi ed iniziative pensati e realizzati fuori dal Comune. E basti solo tenere presente che il primo importante evento inaugurale del cartellone natalizio si è tenuto negli passati nella Città alta, mentre quest’anno si è svolto altrove. Senza contare che nessun reale coinvolgimento vi è stato delle tante associazioni il cui contributo ha sempre rappresentato il vero valore aggiunto dell’intera proposta socio-culturale e turistica.
L’assessore infine pretende invitare il sottoscritto – conclude CAPUTO – a partecipare ad eventi fantasma, atteso che all’inaugurazione di NATALITIA 2017, che si è voluta far coincidere con l’apertura della mostra dei presepi relegati in una contenuta, arida e scarna Sala Grigia di Palazzo San Bernardino, lo stesso ZAGARESE risultava assente! Ho a questo punto il fondato dubbio che gli sfugga il senso della realtà!

Leggi qui!

Il “Pizi” di Palmi per la legalità contro la pervasività della ‘ndrangheta

“La legalità non si predica, ma si pratica attraverso gli esempi e dev’essere da monito …