Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Rinvenuta dalla Polizia Provinciale di Cosenza carcassa di giovane lupo appenninico

Rinvenuta dalla Polizia Provinciale di Cosenza carcassa di giovane lupo appenninico

La carcassa di un giovane Lupo appenninico (Canis lupus italicus) è stata rinvenuta dagli agenti della Polizia Provinciale di Cosenza – Distaccamento di San Giovanni in Fiore – in agro di Casali del Manco, in zona ricadente nel Parco Nazionale della Sila e non distante da San Nicola, lungo la S.S. 107.

La pattuglia, composta dai poliziotti provinciali Gianluca Congi ed Emanuele Scalzo, è stata allertata da alcuni cittadini e da una squadra dell’Anas guidata da Giovanni Ambrosio, imbattutisi nel canide privo di vita, riverso sul terreno proprio a ridosso della banchina stradale.

L’animale è deceduto per una collisione con un automezzo, in transito sulla predetta strada.

Allertato il Comando, sono stati immediatamente avviati i necessari contatti con l’Ente Parco Nazionale della Sila, nella persona del direttore f.f. dott. Giuseppe Luzzi e con il Comandante dell’UTCB – Ufficio Territoriale Carabinieri per la Biodiversità di Cosenza – Tenente Colonnello Gaetano Gorpia.

Grazie alla sinergia istituzionale intercorsa tra il Corpo di Polizia Provinciale, l’Ufficio per la Biodiversità di Cosenza dell’Arma dei Carabinieri e l’Ente Parco Nazionale della Sila, l’animale è stato consegnato in brevissimo tempo a Clemente Pane, in qualità di Capo Squadra degli Operatori dei Carabinieri per la Biodiversità del Centro Natura del Cupone, che ha provveduto a custodirne la carcassa in apposito locale, a disposizione delle autorità per le finalità istituzionali del caso. Il cadavere, difatti, potrebbe essere utilizzato per le indagini genetiche sulla preziosa popolazione di lupi presenti in Sila, che è una delle storiche roccaforti nazionali del raro mammifero; visto l’ottimo stato di conservazione, inoltre, l’esemplare potrebbe essere impiegato per scopi didattici, all’interno delle strutture autorizzate.

Lieto fine, invece, per un Gufo comune abbattuto dal forte vento e salvato dalla pattuglia nel mezzo della carreggiata, nella stessa serata e nel medesimo posto. Il rapace notturno, che a dispetto del nome non è molto diffuso sui rilievi silani, è stato rilasciato con successo dopo una breve osservazione.

La Polizia Provinciale di Cosenza coglie l’occasione per ricordare ai cittadini che l’area in questione è nota per il passaggio di fauna selvatica, anche molto rara e che gli agenti del distaccamento di San Giovanni in Fiore negli ultimi anni vi hanno recuperato un esemplare di Gatto selvatico e una Martora deceduti per investimento. L’invito agli automobilisti è quindi quello della massima prudenza, perché si tratta di animali in via di estinzione che rivestono un ruolo significativo per la biodiversità e per l’ecosistema. Il Lupo appenninico, in particolare, oltre ad essere una specie super protetta dalla legislazione vigente, è il simbolo storico della Sila e del suo Parco Nazionale. Preziosa allegoria della nostra identità.

Leggi qui!

Ritardi provvidenze alluvione Locride, Arruzzolo (Ncd-AP) presenta interrogazione

Il presidente del gruppo consiliare di Ap-Ncd, Giovanni Arruzzolo, ha depositato un’interrogazione a risposta scritta …